Messico: l’esercito per fermare i migranti

in Esteri/Le Brevi

Il Messico ha informato che intende schierare 6.000 soldati al confine meridionale con il Guatemala per impedire di entrare nel suo territorio agli oltre 1000 migranti in viaggio verso gli Stati Uniti. Lo riporta l’ANSA, precisando che si tratta di un annuncio del ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard. Questi si trova attualmente a Washington, per cercare di evitare che gli Usa impongano dazi alle merci messicane con il preciso scopo di spingere lo Stato centroamericano a “fare di più” per fermare i flussi di persone.

Donald Trump ha annunciato di essere pronto a dichiarare un nuovo stato di emergenza nazionale, se non sarà raggiunto un accordo in merito: infatti l’introduzione di dazi nei confronti del Messico sta incontrando molte resistenze nel Congresso. Sono contrari anche numerosi membri del partito repubblicano, quello del presidente.

La situazione è enunciata in una bozza di dichiarazione, la quale sottolinea appunto la necessità del nuovo stato di emergenza e dei dazi.

L’inquilino della Casa Bianca (riporta sempre l’ANSA) ha ribadito che il Messico “non sta facendo abbastanza” per bloccare i migranti e quindi “stiamo andando in quella direzione”. I dazi dovrebbero scattare lunedì.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina