Rachida? Quel corpo è stato dimenticato da tutti, fermo lì per 50 giorni” – L’On. Souad Sbai

in Editoriale

Rachida Radi, 35 anni, è la prima donna apostata convertita dalla religione musulmana a quella cristiana. Nel 2011 è stata uccisa dal marito a Sorbolo di Brescello, nel Reggiano, per un ordine della sua comunità. L’Onorevole Souad Sbai, Presidente di Acmid Donna onlus, giornalista e scrittrice, si è costituita parte civile nel processo insieme all’associazione. Eccola ospite della rubrica Incontri di ‘Un giorno speciale’, con Francesco Vergovich e Manuela Maccaroni, Presidente dell’Associazione Nazionale Avvocati per i Minori e le Famiglie (ANAM).

Mi ha chiamato un carabiniere una mattina – racconta l’Onorevole Souad Sbai – mi ha chiesto ‘cosa dobbiamo fare di questo corpo?’ Io non sapevo nemmeno quale corpo. Da 50 giorni Rachida era lì, nessuno si è occupato di lei, neanche la comunità cristiana di alto livello”.

“In Marocco quest’anno si sono convertite al cristianesimo quasi 40 mila persone, nessuno gli ha fatto niente. Il problema è in Italia, è questo il paradosso. La comunità ha obbligato il marito a ucciderla”.RADIO ITALIA ANNI 60

 

Tags:

Ultime da Editoriale

Vai a Inizio pagina