Reddito di Cittadinanza: Quo vadis?

in Cronaca/Le Brevi

Chi è entrato nel programma diprotezione speciale Reddito di Cittadinanza più che trovare un aiuto si trova buttato in una valle di lacrime dove le preghiere rivolte all’Inps vengono rispedite al mittente… C’èm una gran confusione. Un amico, andato pochi giorni fa a richiedere il reddito di cittadinanza a 5 stelle mi ha raccontato che le stesse persone del CAF non sanno dirti quando ti pagheranno, quanto ti daranno, quanti navigator sono a disposizione… Insomma, dallo stesso CAf non sanno nulla, e per avere qualche info o ti attacchi a Google, o ti attacchi al profilo Facebook dell’Inps o ti attacchi e basta. Che pena prendere per i fondelli chi ha bisogno. Perché poi essere fedeli o innamorati di uno Stato che ti prende in giro. Non sono discorsi di pancia ma dalla pancia , dalla pancia che ha fame. Intanto diamo qualche informazione beccata qua e là su google (queste le armi che abbiamo) l’Inps a chiarisce che non ci sono problemi sull’erogazione del reddito di cittadinanza. E che anzi il 29 maggio 2019 sono avvenuti regolarmente i pagamenti su tutte quelle card consegnate ad aprile e riferite alle domande per il sussidio presentate entro il mese di marzo.

L’Istituto nazionale di previdenza sociale ha aggiunto inoltre che il numero totale delle ricariche relative a maggio è stato di 498.668, mentre sono 16 in tutto le ricariche non andate a buon fine. In questi ultimi casi, sono in corso alcune verifiche per scoprire la natura del problema. L’Istituto il 15 maggio, dopo aver analizzato ed elaborato le richieste, ha dato mandato a Poste italiane di disporre la consegna delle card e poi i pagamenti. “Questo – si legge nel comunicato – ha determinato lo slittamento della ricarica relativa al mese di aprile che è prevista per la prossima settimana”.

Per quanto riguarda le domande presentate a maggio, invece, secondo l’Inps i tempi di lavorazione saranno ancora più brevi, con le disposizioni di pagamento trasmesse a Poste già il prossimo 15 giugno. A fine mese di giugno, quindi, è prevista la ricarica delle card già consegnate relative alle domande presentate a marzo ed aprile. Magari.

 

 In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it

LAILA MAHER

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Cronaca

Vai a Inizio pagina