Russia: scoperte criptovalute per finanziare il terrorismo

in Esteri/Le Brevi

Stando a quanto cita il portale locale RBC, Bortnikov ha affermato che i sistemi di pagamento elettronici e le criptovalute sono sempre più utilizzate dai terroristi per poter trasferire denaro da alcuni Stati e da alcune organizzazioni criminali al fine di supportare la rete terroristica globale. Le criptovalute, infatti, sono utilizzate per finanziare le organizzazioni terroristiche. Ad affermarlo, senza mezzi termini, è il direttore del FSB russo, Alexander Bortnikov, una delle massime autorità nazionali in tema di sicurezza. Sberbank, la più grande banca russa, ha chiesto a un cliente di fornire informazioni sui guadagni di criptazione entro cinque giorni. Secondo un post di Facebook, la banca era interessata anche al fatto che il cliente disponesse di attrezzature per l’estrazione mineraria e ai documenti che confermavano i diritti di proprietà o di affitto sull’attrezzatura.

Dal 1994, circa 210 trilioni di rubli sono volati dalla Russia. La somma rappresenta la metà del budget del paese per un anno, influenzando così in modo significativo l’economia locale. La Rete di Giustizia Fiscale ha stimato che la Russia era tra i maggiori perdenti in termini di trasferimento di capitali verso i delinquenti.


In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it


Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Vai a Inizio pagina