Attentato a Lione, esplode pacco bomba: 13 i feriti, tra cui una bimba di 8 anni La Procura sta indagando: per ora predilige la pista anarchica

in Esteri/News Fr/NEWS INTERNAZIONALI

Nuovo attentato in Francia, in una delle giornate delle elezioni europee: nel pomeriggio di oggi, venerdì 24 maggio, nel centro di Lione, un’esplosione ha causato 13 feriti (il bilancio iniziale era di 8) tra cui una bambina di 8 anni. Per fortuna non sono gravi, ma 11 sono stati portati in ospedale: tra loro la piccola, che però ha già potuto fare ritorno a casa. La notizia dell’attacco (come l’ha definito chiaramente anche il presidente francese Emmanuel Macron) ha fatto il giro del mondo.

Secondo la procura, l’esplosione sarebbe dovuta a “un pacco bomba riempito di chiodi, viti e bulloni” che “era posato per strada” davanti ad una panetteria, in Rue Victor Hugo 16.


L’agenzia Agi riferisce che davanti al forno, attorno alle 13.30, alcuni testimoni avrebbero visto un uomo sui 30 – 35 anni con il volto coperto, occhiali scuri e vestito di nero, arrivare in bicicletta, posare una borsa nel luogo dello scoppio e fuggire. Ora è ricercato.

La scena sarebbe stata ripresa anche dalle telecamere di videosorveglianza. Sul posto è giunto il ministro dell’Interno Christophe Castaner, il quale ha annunciato che verrà potenziata la sicurezza. La zona intanto è stata evacuata e chiusa al traffico.

La polizia ha poi smentito la notizia di nuove esplosioni che era circolata sulla rete. Il prefetto ha chiesto attraverso Twitter alla popolazione “di non diffondere false informazioni sui social network”. Su quanto accaduto in via Victor Hugo, indaga l’Antiterrorismo, che per il momento segue la pista anarchica.

Fortunatamente la bomba era “di potenza debole”, ha spiegato un esperto intervistato dal sito Le Progre’s. Secondo lo specialista, l’esplosivo “ha comunque funzionato bene, l’obiettivo era fare feriti”.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Vai a Inizio pagina