Brasile, spari in un bar: 11 vittime E’ successo nella città di Belem. Non si è esclude che l’episodio sia avvenuto nell’ambito del traffico di droga

in Esteri

Paura in un bar di Belem, capitale dello Stato di Parà, nel nord del Brasile, dove 11 persone sono state uccise a colpi di arma da fuoco, quasi tutte alla testa. I killer si sono poi dati alla fuga. Quando è avvenuta la strage, nel locale era in corso una festa. La notizia è stata è stata data in conferenza stampa da Ualame Machado, un funzionario del ministero di Pubblica Sicurezza (Segup), ed è rimbalzata sui giornali italiani. Machado ha spiegato che nelle indagini non è esclusa nessuna pista, nemmeno il traffico di droga.

Morte sei donne, tra cui la proprietaria del bar, e sei uomini. I malviventi erano in sette, giunti sul posto in moto e con tre auto. La carneficina ha avuto luogo in una zona densamente popolata della città, dove le attività criminali sono in aumento. La polizia federale era già intervenuta lo scorso marzo.


Quello di Parà è l’ottavo Stato più pericoloso del Brasile, nelle cui periferie delle grandi città sono aumentati gli omicidi, il traffico di droga e le milizie armate che si contendono le varie zone. Il Brasile è uno degli Stati in cui secondo l’Onu si registrano più omicidi.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina