Assange, procura svedese ne chiede l’arresto per stupro Fondatore di WikiLeaks verso l’estradizione, dopo la riapertura del caso il 13 maggio scorso.

in Esteri/Le Brevi

La Svezia, tramite la Procura, ha chiesto l’arresto di Julian Assange con l’accusa di stupro: vuole che sia estradato. La notizia è riportata da Tgcom e da altri media. L’inchiesta per violenza sessuale a carico del fondatore di WikiLeaks è stata riaperta il 13 maggio scorso, dopo che l’ambasciata dell’Ecuador a Londra ha revocato all’uomo il diritto di asilo, autorizzandone l’arresto.

La procuratrice svedese Eva – Marie Persson ha spiegato che, se il giudice deciderà di firmare il mandato per violenza sessuale, lei ne chiederà uno europeo da inviare alla Svezia, annuncia Rai News.

Anche gli Stati Uniti chiedono l’estradizione di Assange, questa volta per il caso WikiLeaks, e in caso di conflitto con il mandato europeo, le autorità britanniche dovranno decidere l’ordine di priorità, ha concluso la procuratrice. Ad avviso della Persson è “impossibile prevedere” l’esito del processo nei confronti del giornalista, ma ritiene che le autorità svedesi e quelle britanniche possano procedere contemporaneamente.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina