Arabia Saudita: difesa aerea intercetta missile Houthi (armato dall’Iran) sulla Mecca

in Esteri/Le Brevi

Secondo il sito web dell’emittente televisiva “Al Arabiya” la Difesa aerea dell’Arabia Saudita ha intercettato all’alba di oggi due missili balistici lanciati dai ribelli yemeniti Houthi su due tra le più importanti città del regno:  il primo missile balistico di fabbricazione iraniana è stato intercettato sulla città di Taif, nella parte sud del regno saudita, a pochi chilometri dalla città santa dell’Islam della Mecca. Le autorità locali ritengono che fosse proprio la città sacra, che ospita ogni giorno milioni di pellegrini da tutto il mondo, l’obiettivo dell’attacco. Un secondo razzo è stato intercettato invece sui cieli della città di Gedda, sul Mar Rosso. Un portavoce della coalizione saudita ha detto: “Le forze di difesa saudite reali hanno individuato bersagli aerei che volavano attraverso aree riservate nelle province di Jeddah e Taif e hanno trattato con loro come richiesto dalla situazione”.

Gli Houthi hanno negato che i loro missili mirassero alla Mecca, un luogo di pellegrinaggio a circa 70 km da Jeddah ea 50 km da Taif. Il gruppo ha definito il reclamo una tattica dell’Arabia Saudita per sostenere la guerra. Riyadh ha accusato l’Iran di aver ordinato gli attacchi di droni della settimana scorsa su due stazioni di pompaggio del petrolio nel regno, per le quali gli Houthi hanno rivendicato la responsabilità. Teheran ha negato di farlo.

In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it

Costantino Pistilli

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina