Maltempo, Forlì: aperta un’inchiesta per l’esondazione del fiume Montone E’ stato aperto un fascicolo per ora contro ignoti con l’accusa di “inondazione colposa”.

in Cronaca/Le Brevi

L’allarme maltempo sta rientrando in Emilia – Romagna ed ora è il momento di iniziare ad indagare sulle responsabilità per i danni. La Procura della Repubblica di Forlì-Cesena, con a capo Maria Teresa Cameli, ha aperto un fascicolo riguardante l’esondazione del fiume Montone, che tra lunedì 13 e martedì 14 maggio ha interessato i territori della zona: oltre 160 ettari di terreno, arrivando ad invadere centinaia di case, per esempio nel comune di Villafranca. L’accusa ipotizzata dalle autorità, per ora contro ignoti, è di “inondazione colposa”. Lo annuncia l’ANSA.

Collabora all’indagine anche il pm Federica Messina, che sta raccogliendo la documentazione necessaria grazie alla collaborazione di polizia, carabinieri, vigili del fuoco, protezione civile e tecnici. In particolare si cercherà di capire quale ruolo abbiano avuto in quanto è successo i lavori ancora in corso in un sottopasso dell’A14, in corrispondenza di dove si sono rotti gli argini del fiume.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Cronaca

Vai a Inizio pagina