Varese, ha aggredito ex con l’acido: donna resta in carcere. Nessuno disposto ad accoglierla ai domiciliari. I legali chiederanno la perizia psichiatrica.

in Cronaca/Le Brevi

Il Gip di Busto Arsizio, in provincia di Varese, ha deciso che debba rimanere in carcere la 38enne che la serata di martedì scorso, 7 maggio, ha gettato dell’acido in faccia all’ex fidanzato 30enne sotto casa di quest’ultimo a Legnano, in provincia di Milano.  La difesa della donna aveva chiesto per lei il trasferimento in una struttura psichiatrica, che però non è stato accordato. “Non essendovi disponibilità da parte di nessuno ad accoglierla ai domiciliari, ce lo aspettavamo”, ha commentato uno dei suoi avvocati, Pierpaolo Proverbio. Quest’ultimo, insieme al collega Sandro Cannarile, riferisce all’ANSA che ha riportato la notizia, di essere certamente intenzionato a chiedere la perizia psichiatrica per la sua assistita. Nei prossimi giorni valuteranno in quale modalità richiederla.

La donna, già accusata di stalking nei confronti dell’ex, era stata intervistata dal programma “Le Iene” pochi giorni prima di aggredire l’ex. Aveva ammesso le proprie responsabilità, aggiungendo che si sarebbe fatta curare, ma ha anche detto di aver chiesto tante volte “scusa” alla vittima, mentre lui non si sarebbe mai scusato del comportamento che avrebbe tenuto con lei.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Vai a Inizio pagina