Alcol, a rischio 8,6 milioni di italiani. Aumenta il numero dei giovani. Lo rivela una relazione del ministero della Salute. Il problema esiste anche tra persone tra i 65 e i 75 anni.

in Salute

Otto milioni e seicento mila persone (e più) in Italia sono a rischio per alcolismo, spiega l’ANSA, che cita una relazione del ministero della Salute resa nota alla Camera dalla ministra Giulia Grillo il 29 aprile scorso. I dati sono stati raccolti dall’Istituto Superiore della Sanità.

Ci sono anche 68 mila italiani dipendenti dall’alcol in cura presso strutture competenti. Inoltre è stato appurato che 4.575 incidenti stradali nel nostro Paese dipendono dall’abuso di alcolici. Più a rischio sono i giovani tra i 16 e i 17 anni e le persone tra i 65 e i 75.

La maggior parte dei consumatori a rischio è stata individuata nel 2017: il 23, 6% (6.100.000) erano maschi e l’8,8% (2.500.000) femmine. Complessivamente oltre 8.600.000 persone.

La fascia d’età tra i 16 e i 17 anni riguarda il 47,0% dei maschi e il 34,5% delle femmine. Circa 700.000 minorenni e 2.700.000 ultra sessantacinquenni rischiano patologie e problemi di salute legati all’alcol.
Vengono consumati soprattutto vino (48,1%), poi birra (27,1%), superalcolici (10,3%) ed aperitivi, amari e digestivi (5,5%). Nel 2017 sono finite al Pronto Soccorso 39.182 persone, il 70% maschi e il 30% femmine per cause riconducibili più o meno direttamente all’alcol.

Per quanto riguarda i decessi, i dati in possesso del ministero della Salute si riferiscono al 2015 e parlano di 1.240 morti per abuso di alcol. Mille e centosedici (l’81,9%) erano uomini e 224 donne (il 18,1), scomparsi soprattutto per epatopatie alcoliche e sindromi psicotiche indotte. Oggi, mercoledì 15 maggio, si tiene a Roma il workshop annuale Alcohol Prevention Day, finanziato dal ministero della Salute e organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con la Società Italiana di Alcologia (SIA), Associazione Italiana Club Alcologici Territoriali – AICAT e Eurocare.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Vai a Inizio pagina