Treviso, nordafricano insulta e picchia la sorella perché ha amici maschi Violenze anche nei confronti della sorella minorenne e della madre.

in Cronaca

Momenti di paura per una 22enne magrebina di Castelfranco Veneto: “scoperta” dal fratello 21enne, musulmano radicalizzato, seduta in bar con amici maschi, l’ha massacrata di botte, dandole della poco di buono. L’ha presa per i capelli, informano alcuni quotidiani, e l’ha trascinata fuori dal locale, prendendola a calci e facendola cadere. A nulla sono serviti i tentativi di calmarlo da parte degli amici della vittima.

E’ emerso che il giovane sottoponeva a simili violenze anche l’altra sorella, di 17 anni (voleva che uscisse di casa soltanto per andare a scuola), e la madre 40enne, perché non voleva che vivessero “all’occidentale”. Alla fine le tre lo hanno denunciato per lesioni e ingiurie.


La famiglia vive da molti anni a Castelfranco, ma nel 2014 è morto il padre e il ragazzo è diventato “l’uomo di casa”. E sempre più violento.

La madre ha raccontato che il figlio in questi anni ha avuto “cattive amicizie che lo hanno fatto diventare un fanatico”. L’ultimo episodio di violenza nei confronti della sorella più grande risale al 30 marzo scorso. La ragazza non aveva risposto alle ripetute telefonate del fratello, che le intimava di tornare a casa, così lui è uscito a cercarla e, quando l’ha trovata, è iniziata la sua furia.

La 22enne è poi riuscita a liberarsi e, tornata nella sua abitazione, con la madre e la sorella minore ha denunciato l’accaduto ai carabinieri. Al ragazzo ora è stato vietato di avvicinarsi alle tre familiari.

Lui si è difeso dicendo che la sorella era ubriaca e che voleva “solo aiutarla e riportarla a casa”, mentre ha ammesso che con la madre “le liti sono frequenti, ma solo perché vuole costringermi a fare le stagioni al mare come cameriere, ma io non voglio perché mi pagano poco”.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Ultime da Cronaca

Vai a Inizio pagina