Marocco, spot contro il sessismo mostra agli uomini gli effetti dei lavori domestici sulle mani delle donne La pubblicità di un marchio di detersivi ha commosso il Paese.

in Donna/Esteri/Le Brevi

Una nota marca di detersivi marocchina scende in campo contro il sessismo e commuove la Rete con uno spot. Ne parla il portale “Lettera Donna”: diversi uomini di diverse età vengono chiamati di fronte ad un video in bianco e nero di mani logorate dalla fatica e invitati a dire a chi, secondo loro, appartengono. A “contadini”, “idraulici”, “carpentieri”, “anziani che hanno lavorato duro”: tutti pensano che siano mani maschili, invece no. Sono mani femminili affaticate dai lavori domestici. Sono mani di sorelle, madri, figlie e mogli che, confusi e commossi, ammettono di non aver mai aiutato in casa: si commuovo, si scusano, le abbracciano e qualcuno assicura che d’ora in avanti sarà più “collaborativo”.

Nessuno di loro è un attore professionista: sono stati tutti presi “dalla strada”, si può dire. Lo spot è stato lanciato in prossimità del Ramadan, iniziato in Marocco il 7 maggio. E’ prodotto dall’agenzia RAPP Maroc ed il suo direttore generale, Tarik Guisser, ha spiegato che si è trattato di “un’esperienza sociale, senza mediazioni: tutte le reazioni sono vere, senza copioni né messa in scena”. “Una piccola puntura di spillo, ha aggiunto Guisser, “per dire che il Ramadan è arrivato e che gli uomini devono darsi da fare, perché non sono gli unici a digiunare”. Il commovente spot ha avuto più di un milione di visualizzazioni in meno di due giorni e c’è da augurarsi che vada oltre l’impatto emotivo del momento.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Donna

Vai a Inizio pagina