“Ti ammazziamo se Aldo Moro diventa Santo” Minacce di morte, il postulatore della causa di beatificazione lascia l'incarico. Ufficialmente è per "motivi personali"

in Speciale Vaticano

Roma, 8 maggio 2019 – La beatificazione di Aldo Moro è un affare che scotta. Non c’è solo la figlia Maria Fida che chiede che il Papa fermi la causa addirittura parlando di un processo trasformato in una guerra tra bande. Adesso in Vaticano c’è preoccupazione perché il postulatore della causa, cioè una specie di avvocato che porta avanti l’iter studiando i documenti ed esaminando le testimonianze, ha ricevuto minacce anonime di morte. Un avvertimento? Una voce legata al passato brigatista? Un mitomane? Le minacce finora sono state ignorate ed è molto difficile approfondire la loro natura, perché su questo vige una riservatezza fittissima. La causa di beatificazione è al suo momento iniziale, cioè è alla fase diocesana. Tutto però si è bruscamente fermato.

Il postulatore, padre Gianni Festa, che è anche postulatore dei domenicani e al quale il dossier era stato affidato perché Moro era terziario domenicano,ha rinunciato a portare avanti il lavoro. Nessuna comunicazione ufficiale al riguardo. Solo, circola negli ambienti della diocesi di Roma, dove è incardinato il processo, che si tratta di “motivi personali”. La morte di Moro è una pagina oscura della storia italiana, ma con tante ombre anche in quella vaticana.


È avvenuta davvero, proprio nel covo delle Brigate Rosse, l’ultima confessione di Moro a don Antonello Mennini, allora parroco sulla Trionfale, amico di Moro e diventato un referente di Valerio Morucci e Adriana Faranda, i postini delle Br? Don Mennini non ha mai detto una parola a riguardo. Dopo la morte di Moro fu avviato alla carriera di nunzio nelle ambite sedi di Mosca e Londra. Come si dice, ha portato il segreto nella tomba. L’immunità diplomatica anche lo permetteva.

E il Vaticano era davvero pronto a pagare ai brigatisti un riscatto esorbitante, tra i 12 e i 15 miliardi, per salvare la vita a Moro? Qualcosa sembra che all’ultimo non funzionò, Paolo VI scrisse la sua famosa lettera “agli uomini delle Brigate rosse”, la preghiera di liberarlo “senza condizioni”. Ma l’esecuzione arrivò, la fatale mattina del 9 maggio del ‘78. Una causa con testimonianze e contributi ‘nuovi’ potrebbe aiutare a scrivere capitoli chiarificatori di un grande mistero italiano. Festa, da poco nominato, aveva detto: “Moro potrebbe essere il santo della politica”.

Senza un postulatore, difficile che accadrà. Intanto, alla Congregazione delle Cause dei Santi, il dicastero vaticano dove i processi arrivano dopo la conclusione della fase diocesana e quindi quando sono molto più avanti come livello di approfondimento, ci sono altre cause in corso per esponenti storici della Dc. Un’accelerata potrebbe averla quella su Giorgio La Pira, storico sindaco di Firenze, figura oggi molto in auge perché sempre ricordata nei suoi interventi dal presidente della Cei il cardinale Gualtiero Bassetti. Nei giorni in cui Salvini litigava con i prefetti, in Vaticano circolava l’epistolario in cui scriveva: “Tu come ministro dell’Interno non mi incuti nessuna paura e non mi susciti neanche (perdona) speciale rispetto: l’autorità appare ai miei occhi solo come tutrice dell’oppresso contro il potente”. Per lui adesso si parla di santità vicina. Da molti anni, invece, è fermo il processo per Alcide de Gasperi, che di La Pira fu amico e sodale nella Dc.

Fonte: Quotidiano.net


Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Speciale Vaticano

Vai a Inizio pagina