Malesia rilasciata la donna condannata per l’omicidio del fratellastro di Kim Jong-un Kim Jong-nam era stato ucciso il 13 febbraio 2017 all’aeroporto di Kuala Lumpur.

in Esteri/Le Brevi

E’ stata rilasciata, in Malesia, Doan Thi Huong (nella foto, con il velo verde acqua), la donna vietnamita condannata per l’omicidio di Kim Jong-nam, il fratellastro del dittatore nordcoreano Kim Jong-un, ucciso il 13 febbraio 2017 all’aeroporto di Kuala Lumpur. Lo si legge su Il Post.

La Huong si era dichiarata colpevole di omicidio colposo e successivamente le erano stati comminati tre anni e quattro mesi di carcere, pena massima in Malesia per quel tipo di reato. La donna era stata qualche mese fa per buona condotta.

Un’altra donna arrestata per il caso, Siti Aisyah, ed era stata rilasciata un mese fa senza alcuna condanna. Doan Thi Huong tornerà in Vietnam in giornata, ha fatto sapere il suo avvocato.

Kim Jong-nam morì a causa del VX, un agente nervino usato come arma chimica che può uccidere in pochi minuti. L’uomo si trovava all’aeroporto della capitale malese per recarsi a Macao, quando Huong ed Aisyah gli gettarono sul viso la sostanza letale. Le due donne furono arrestate poco tempo dopo, grazie alle immagini immortalate dalle telecamere di sicurezza, ma entrambe si sono difese con una giustificazione che può apparite surreale: hanno agito pensando di essere all’interno di uno show televisivo.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina