Spagna: socialisti primo partito. Ma entra anche VOX (che non è ultradestra)

in Esteri/Le Brevi

Il Partito Socialista (Psoe) ha conquistato 123 seggi nel Congresso dei deputati, 37 in più rispetto all’attuale parlamento, dando oltre 50 parlamentari di distacco al PP. Il Partito Popolare (PP) ha perso 71 seggi, passando da 137 a 66 in una tornata elettorale indubbiamente interessata dal fenomeno della frammentazione della destra. Si tratta del peggior risultato della sua storia. Nel 2016, aveva vinto la maggioranza dei voti in 42 province, mentre questa volta ne ha conquistate solo quattro.

Come riportato da Euronews, anche Podemos ha perso forza, scomparendo completamente dalla mappa 2019. Nelle precedenti elezioni aveva trionfato in cinque circoscrizioni, tra cui Barcellona. I risultati attribuiscono al movimento di Pablo Iglesias 35 posti a sedere al Congresso, ovvero 10 in meno rispetto al 2016. Ciudadanos (Cs), al contrario, ha migliorato il risultato di tre anni fa di 25 deputati, passando da 32 a 57 parlamentari: è ora la terza forza dell’assemblea. Il partito di estrema destra Vox è la quinta: passa da zero a 24 in poche ore, quelle dello scrutinio. La percentuale di voti in tutta la Spagna, per il partito di estrema destra, è stata del 10,26%, in linea con le previsioni della vigilia.


 


Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina