Taranto, violinista 23enne con tumore al cervello operata mentre suona

in Salute

Sensazionale traguardo della chirurgia cerebrale: a Taranto una violinista di 23 anni affetta da tumore (tecnicamente una neoplasia cerebrale frontale sinistra a basso grado di malignità) ha potuto suonare il proprio strumento mentre veniva operata. Il pionieristico intervento è avvenuto all’Ospedale SS. Annunziata nel capoluogo pugliese, ha spiegato l’ANSA, che ha riportato la notizia nella sua rubrica “Salute &Benessere”.

E’ stato il primo di questo genere nel Sud Italia e uno dei primi nel nostro Paese, spiegano i medici. Diversi sono stati in Italia gli interventi di neurochirurgia da svegli (“awake surgery”). Questo, durato oltre cinque ore (poiché ovviamente complicato), è stato effettuato dal direttore dell’Unità Operativa Complessa, dottor Giovanni Battista Costella, e dal dottor Nicola Zelletta, con l’anestesista dottor Angelo Ciccarese. Inoltre i dottori Konstantinos Gounaris, di origine greca, e Giuseppe Cantone.

Costella ha spiegato che, per quanto possa sembrare surreale, interventi simili si svolgono conversando con il paziente, in modo da spiegargli la procedura e tranquillizzarlo, prestando tra l’altro più attenzione al lavoro.

Sono stati usati dispositivi di ultima generazione come il neuronavigatore e il monitoraggio neurofisiologico. Così si è potuto rimuovere il tumore, evitando alla ragazza danni neurologici, soprattutto disturbi della parola e cognitivi, e difficoltà nella coordinazione dei gesti. Sono state stimolate specifiche zone cerebrali, per evocare disturbi sensitivi complessi. “Questa tecnica – ha precisato Costella – è particolarmente indicata nei casi in cui è necessario rimuovere lesioni localizzate in zone critiche. Certo, al paziente è richiesta collaborazione e la procedura nel complesso non è una esperienza semplice”.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Salute

Vai a Inizio pagina