Manager del Cremonese ucciso in Turchia: si arena l’inchiesta Il padre di Alessandro Fiori: “Impossibile ottenere perfino la traduzione dell’autopsia".

in Cronaca/Esteri/Italia

Il giallo della morte del manager 33enne di Soncino (Cremona) Alessandro Fiori, ucciso ad Istanbul nel marzo dello lo scorso anno e trovato senza vita in riva al Bosforo, non ha ancora una soluzione. L’inchiesta che era in corso, si è arenata.

Eligio, il padre del giovane, ha espresso tutta la propria rabbia e la propria delusione, parlando con il quotidiano milanese “Il Giorno”. L’ultimo tassello del dramma riguarda l’autopsia.

Quest’ultima venne eseguita il 30 marzo 2018, in base ai tempi della legge turca. Tuttavia da allora si sono avuti cambi di magistrati, la sostituzione del titolare dell’inchiesta a luglio, il sostituto che è rimasto in carica fino a ottobre, e il nuovo che ha cominciato solo lo scorso dicembre ad occuparsi della vicenda. Si sono avute differenti versioni sull’autopsia, anche se fin dall’inizio era risultato che Fiori fosse stato ucciso a colpi di spranga sulla testa. I definitivi risultati sono stati depositati soltanto a fine novembre 2018.

Non è finita: “A metà marzo abbiamo chiesto notizie al consolato italiano in Turchia in merito alla traduzione –spiega Eligio Fiori e abbiamo ottenuto rassicurazioni: l’esame sarebbe arrivato a breve in consolato, che lo avrebbe poi passato alla Procura di Roma, competente per il caso. Abbiamo fatto passare ancora un paio di settimane e a fine mese abbiamo di nuovo sentito il nostro consolato in Turchia, che però non ha accennato alla traduzione”.

L’atto dovrebbe essere trasmesso dalla Procura turca nella propria lingua e il consolato italiano dovrebbe occuparsi della traduzione, ma  l’atto non è ancora arrivato.

Eligio Fiori è sfiduciato, anche dopo aver appreso che la Procura turca ha attivato una task force per indagare sulla morte di Alessandro: è passato oltre un anno dall’omicidio. Non si sa neppure se sia stato rintracciato il tassista che ha derubato il nostro connazionale il giorno che questi è stato ucciso. Ovviamente il primo sospettato del delitto, è lui.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Vai a Inizio pagina