Ue vs Nike, la multinazionale multata con l’accusa di limitare la vendita di magliette da calcio L’azienda dovrà sborsare 12, 5 milioni di euro.

in Economia/Le Brevi/Sport

L’Antitrust Ue ha condannato la Nike a pagare una multa da 12,5 milioni di euro, accusandola di aver impedito ai commercianti di vendere in tutti gli Stati dell’organizzazione magliette di alcune squadre di calcio tra cui Roma, Juventus, Barcellona, Inter, Manchester United dal 2004 a al 2017, violando le regole della concorrenza. I commercianti potevano vendere le T – shirt solo nei loro Paesi.

Sulla vicenda è intervenuta la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager, la quale ha osservato: “I prodotti ufficiali della squadra del cuore, come sciarpe o magliette, sono spesso oggetti di culto per i tifosi di calcio”, ma “Nike ha impedito a molti dei suoi licenziatari di vendere questi prodotti in altri Paesi, riducendo così la scelta offerta ai consumatori e facendo salire i prezzi”. “La decisione – ha proseguito – garantisce che rivenditori e consumatori possano beneficiare appieno di uno dei principali vantaggi del mercato unico, vale a dire la possibilità di acquistare ovunque in Europa per avere accesso a un maggior assortimento di prodotti e a offerte più vantaggiose”.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Economia

Vai a Inizio pagina