Cina, auto contro la folla: 6 morti Sette i feriti. L’attentatore ucciso dalla polizia.

in Esteri/Le Brevi

Paura in Cina, dove circa 6 del mattino locali (le 23 in Italia) nella città di Zaoyang, provincia centrale dell’Hubei, un uomo alla guida di un’auto ha falciato la folla uccidendo 6 persone e ferendone 7, che sono state ricoverate in ospedale. Lo riferisce l’ANSA. Dopo l’attacco, l’attentatore è stato ucciso dalla polizia.

Le autorità sono state avvisate da una telefonata: era una richiesta d’aiuto. Ora gli inquirenti stanno cercando di capire se si sia trattato di una “vendetta verso la società” (termine del codice penale cinese) oppure di altro.


Crimini per “vendetta verso la società” in Cina sono balzati anche agli “onori” della cronaca occidentale: ad esempio il 27 aprile dello scorso anno un ragazzo aveva ucciso a coltellate 7 studenti e ne aveva feriti 19. Ma solo pochi mesi fa era accaduto un fatto simile nella città di Tangshan, sempre nella provincia dell’Hubei: un uomo era stato arrestato per aver accoltellato diversi alunni di un istituto che non gli aveva rinnovato il contratto di lavoro.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina