Turchia: “Non andremo via, se non come cadaveri”. Dichiara un giovane affiliato alla Fratellanza Musulmana

in Esteri/Le Brevi

Un gran numero di giovani membri della Fratellanza residenti in Turchia hanno attaccato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan dopo che le autorità turche hanno deciso di estradare 12 membri della Fratellanza Musulmana in Egitto dove è noto che fine faranno tra le mani di Sisi. Secondo molti affiliati alla Fratellanza Musulmana in Turchia Erdogan sta usando i 12 reclusi per ottenere in cambio aiuti politici, soprattutto per quanto riguarda la partita siriana sulla quale Erdogan sta investendo molto. Una parte della Fratellanza, composta per lo più da giovani, ha anche minacciato il presidente che nessuno di loro lascerà vivo la propria patria. La morte non li spaventa e tanto meno Erdogan. Ecco un video postato su Facebook da un giovane affiliato alla Fratellanza Musulmana turca, e proprio in questo video il giovane dichiara: “Non andremo via,  se non come cadaveri”. Clicca qui per vedere il video.

 

In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it


C.P.


Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina