Arabia Saudita: la Fiera Mondiale del libro edizione 2019. Presenti 1.465 case editrici

in Cultura/Esteri/Le Brevi

Il Riyadh International Book Fair, uno dei più grandi eventi culturali della regione, aprirà mercoledì con la partecipazione di oltre 900 case editrici arabe e globali. Il Bahrain è l’ospite d’onore della fiera culturale internazionale. Più di 30 paesi saranno rappresentati all’evento di 10 giorni, Mohammed Al-Marzouqi, presidente della commissione media della fiera del libro, ha dichiarato al quotidiano Arab News. La fiera celebrerà sette principali registi sauditi: Saad Khadr, Ibrahim Al-Qadi, Khalil Al-Rawaf, Saad Al-Freih, Abdullah Al-Muhaisen, Haifa Al-Mansour e Ibrahim Al-Hasawi. La fiera annuale del libro celebrerà anche la vita di Ghazi Al-Gosaibi, il politico saudita, diplomatico, poeta e romanziere scomparso nel 2010.

Dopo la cerimonia di apertura di mercoledì, la fiera del libro sarà aperta ai visitatori giovedì dalle 10 alle 22
La fiera, organizzata con il patrocinio di King Salman presso il Riyadh International Convention and Exhibition Centre, rappresenterà un ponte culturale tra gli arabi della regione e il resto del mondo attraverso la rete di editori, scrittori, studiosi e istituzioni accademiche che si incontreranno per l’occasione.


Più di 500.000 libri e pubblicazioni saranno esposti in fiera e saranno presenti 1.465 case editrici per oltre un milione di visitatori previsti.La mostra includerà anche un padiglione dedicato a Saudi Vision 2030. La fiera del libro, iniziata oltre un decennio fa, presenta un gran numero di libri su Islam, cultura araba, storia, medicina, legge, scienza e tecnologia, mass media e comunicazione, oltre a resoconti biografici, fiction e romanzi disponibili in lingue popolari tra cui arabo, inglese, francese, turco, urdu e spagnolo.

 

In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it

C.P.


Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Cultura

Vai a Inizio pagina