Iraq, Human Rights Watch: “Millecinquecento bambini detenuti e torturati come sospetti membri dell’Isis”

in Esteri

L’Ong internazionale Human Rights Watch ha denunciato che nelle carceri irachene e curdo-irachene sono detenuti anche dei bambini o comunque dei giovanissimi, sospettati di aver fatto parte dell’Isis. Sono circa 1.500 e spesso hanno subito torture. Molti sono stati già condannati “dopo processi frettolosi e ingiusti”. Tutto ciò avviene anche “indipendentemente dal loro vero livello di coinvolgimento con il gruppo”, che dominava le aree dove abitavano. Lo ha affermato – come riporta “Il Messaggero” – Jo Becker, direttore di Hrw per la difesa dei diritti dei minori. Questa, ha aggiunto il rappresentante, “non è giustizia, e creerà conseguenze negative per molti di questi ragazzi che dureranno per tutta la vita”.

Ci sono giovani che hanno dichiarato di essere innocenti, ma di avere timore di tornare a casa, una volta estinta la pena, perché ovviamente non vogliono rischiare di essere considerati terroristi né dalle loro famiglie né dalle loro comunità. Altri, già stati rilasciati, affermano di non volersi più recare in zone governative, per timore di finire di nuovo in prigione.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina