Il Governo del cambiamento non cambia: prosegue deriva filo-islamista

in Editoriale

di Souad Sbai

Il governo del cambiamento non cambia, nel senso che continua a non cambiare niente, anche sul fronte della politica estera e di sicurezza, dove l’Italia prosegue nella sua deriva filo-islamista.

 

Nella Relazione sulla partecipazione dell’Italia all’UE presentata al Parlamento, l’esecutivo Conte intende “continuare ad assicurare sostegno al dialogo tra l’Unione Europea e la Turchia”, definendo quest’ultima “un partner strategico in molti ambiti” e l’allargamento della membership europea ad Ankara uno “strumento politico essenziale per garantire il consolidamento della democrazia”.

 

Si tratta, a ben vedere, della posizione tradizionale della diplomazia italiana in merito all’ingresso della Turchia nell’UE, una posizione che ha già mostrato di essere basata su presupposti errati. È stato infatti l’insistere sul rispetto dei cosiddetti standard democratici comunitari a consentire a Erdogan di smantellare la struttura laica su cui Ataturk aveva fondato la Repubblica turca, rimpiazzando i militari con l’establishment sì civile ma islamista espresso dal suo partito.Ora che il danno è stato fatto, si vorrebbe anche consentire a Erdogan di mettere le mani sulle istituzioni europee. Immaginate il Parlamento con deputati islamisti turchi legati alla Fratellanza Musulmana? Non si tratta di fantasia, è quello che accadrebbe se la Turchia divenisse un paese membro dell’UE. Perché dunque il governo non è intervenuto per cambiare linea diplomatica?

 

Francia e Germania hanno posto il loro veto a un simile scenario e i negoziati sempre in ballo sull’ingresso nell’UE sono stati finora una leva tattica utilizzata nel complesso intreccio che caratterizza le loro relazioni bilaterali con Ankara.

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE CLICCA QUI

 

Ultime da Editoriale

Quelle Prodi coincidenze

di Alessio Papi Arcuri è l’uomo dell’emergenza.E’ intoccabile, inossidabile ed ignifugo nonostante
Vai a Inizio pagina