Somalia: autobomba uccide 10 persone a Mogadiscio. Al Shabaab rivendica attentato

in Esteri/Le Brevi

Un autobomba è esplosa davanti un hotel di Mogadiscio. L’attentatore suicida era affiliato al gruppo estremista islamico Al-Shabaab e ha ucciso almeno 10 persone e distrutto edifici nella strada più trafficata della capitale somala, ha detto la polizia. È stata una delle più gravi esplosioni che abbia colpito Mogadiscio negli ultimi tempi.
Ha avuto luogo in un centro commerciale in via Maka Al Mukaram che ha alberghi, negozi e ristoranti, ha detto a Reuters il maggiore della polizia Mohamed Hussein. Le auto in strada furono incendiate. “Più di dieci persone sono morte, un albergo sta bruciando e altri edifici sono stati rovinati dall’esplosione, sono stati fatti venti feriti e crediamo che più corpi morti siano negli edifici in rovina”, ha detto il capo della polizia Abdullahi Ali.
Al-Shabaab ha rivendicato la responsabilità dell’attacco.

“Abbiamo preso di mira e preso d’assalto l’Hotel Maka Al Mukaram, siamo ancora al suo interno”, ha detto Abdiasis Abu Musab, portavoce militare di Al Shabaab. Ali ha detto che non credeva che i militanti fossero all’interno dell’hotel. “Ma qualsiasi cosa può accadere perché è buio in alcuni edifici perché l’esplosione ha tagliato i fili elettrici”, ha detto. I gas maleodoranti provenienti dall’esplosione hanno raggiunto diversi chilometri di distanza dalla scena. La Somalia è stata colpita da illegalità e violenze dal 1991. Il gruppo estremista Al-Shabaab sta combattendo per rimuovere un governo appoggiato dall’Occidente protetto dalle forze di pace con mandato dell’Unione Africana.

In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it

C.P.

 

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina