Il Qatar esorta il mondo “ad essere più amichevole” con l’Iran

in Esteri/Le Brevi

Il ministro degli esteri del Qatar ha esortato gli Stati del mondo ad essere più amichevoli nei confronti dell’Iran, ha riferito l’agenzia di stampa Tasneem.  “Chiunque guardi alla situazione in questo momento – la polarizzazione nella regione – è abbastanza certo che le cose non rimarranno così”, ha detto Mohammed bin Abdulrahman al-Thani, vice primo ministro e ministro degli Esteri del Qatar, secondo il Guardian.

“Non è possibile mantenere le persone oppresse per lungo tempo, quindi per evitare che questa instabilità continui, vogliamo solo che i leader inizino a cambiare. Dobbiamo praticare la diplomazia preventiva piuttosto che la diplomazia reattiva “.

Gli sforzi compiuti dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti a metà 2017 per isolare il Qatar per il suo sostegno al radicalismo islamista hanno portato il Qatar ad approfondire le sue relazioni con l’Iran, secondo quanto riportato dal Forum del Medio Oriente.

Teheran ha cercato di usare la crisi per approfondire la spaccatura tra gli stati del Golfo. L’Iran ha continuato a inviare forniture alimentari in Qatar dal porto di Bushehr, consentendo a Doha di evitare il completo isolamento. L’Iran ha spedito 1.100 tonnellate di frutta e verdura e 66 tonnellate di carne bovina, in Qatar quotidianamente.

Il 25 giugno 2017, il presidente iraniano Rouhani ha denunciato l ‘”assedio” sul Qatar e, in una telefonata con l’emiro Tamim, ha affermato che “Teheran sosterrà il governo del Qatar”.

Il volume degli scambi tra i paesi è successivamente cresciuto rapidamente. Il Qatar è stato anche in grado di utilizzare lo spazio aereo iraniano (a un prezzo). L’intervento dell’Iran ha permesso al Qatar di resistere ai tentativi dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti di indurlo a desistere dal sostegno per organizzazioni terroriste e islamiste radicali, o di cessare la sua propaganda contro altri Stati del Golfo attraverso al-Jazeera.

In caso di rettifica dell’articolo inviare un’email all’indirizzo: redazione@almaghrebiya.it

C.P.

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina