Oscar 2019: “Green Book” Miglior Film. Rami Malek, vincitore annunciato.

in Altro

Come molti si aspettavano, ieri, domenica 24 febbraio, si è aggiudicato l’Oscar come Miglior Attore Protagonista Rami Malek, il 37enne di origine egiziana cristiano ortodosso che ha interpretato in modo eccellente Freddie Mercury in “Bohemian Rhapsody”, bellissimo omaggio ai Queen e soprattutto al loro indimenticabile leader. Malek ha dedicato il prestigioso riconoscimento “alla mamma e alla mia famiglia, che ringrazio per aver partecipato a questo momento monumentale. Grazie a tutti quelli che mi hanno dato una mano per essere qui, non ero la scelta ovvia – ha dichiarato con umiltà – ma ha funzionato”. Ha inoltre ringraziato i Queen (che erano presenti e hanno fatto ballare la platea con“We Will Rock You”), “per avermi fatto partecipare alla vostra incredibile eredità” e dedicato parole d’affetto a Freddie Mercury, che “ha lottato con la sua identità, abbiamo fatto un film su un uomo gay e immigrato e lo abbiamo celebrato. Questa è la prova che amiamo questa storia. Io sono egiziano, la mia è la prima generazione nata qui in America”. Non poteva mancare l’omaggio di Malek alla sua fidanzata, la collega Lucy Bounton, che nel film interpretava Mary Austin, compagna di Freddie Mercury prima che lui scoprisse la propria identità sessuale e poi sua grande amica: “Sei il cuore del film”, ha detto Rami a Lucy. Bohemian Rahpsody” ha vinto in tutto quattro premi.

Anche il Premio per il Migliore Film è andato ad uno dei favoriti, “Green Book” di Peter Farrelly, storia dell’amicizia tra un pianista afroamericano e un italoamericano che va oltre ai pregiudizi. Ha consegnato la statuetta Julia Roberts. Uno dei produttori ha dichiarato: “abbiamo fatto questo film con amore, tenerezza e rispetto”. Il regista ha invece affermato: “Questo è un film sull’amore che supera le differenze”. Per “Green Book” anche il premio per la Migliore Sceneggiatura.

Oscar come Migliore Attore Non Protagonista a Mahershala Ali (primo musulmano a vincere l’ambito premio) e come Miglior Attrice Non Protagonista a Regina King per “Se la strada potesse parlare”.

Si aggiudica invece il premio come Miglior Attrice Protagonista Olivia Colman per “La favorita”, battendo la grande Glenn Close (attrice con più nomination) in “The Wife”.

Inoltre, Oscar al Miglior Adattamento cinematografico per “BlacKkKlansman” e ai Migliori Costumi a Ruth Carter, per “Black Panther”. Diversi, dunque, gli afroamericani premiati quest’anno.

Rispetta le attese il premio per la Miglior Canzone, “Shallow”, cantata da Lady Gaga e Bradley Cooper in “A Star is Born”.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.t

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Altro

Vai a Inizio pagina