Oscar 2019, stanotte la grande notte della premiazione: i possibili vincitori

in Altro

Si avvicina l’attesissima Notte degli Oscar. Sarà notte in Italia, le 2, mentre saranno le 5 del pomeriggio a Los Angeles, dove come sempre si terrà la cerimonia. In particolare al Dolby Theatre a Hollywood, ma potremo seguirla in diretta sia su Sky che su TV8. L’evento inizierà già alle 22.50, con la classica passerella degli attori sul red carpet, i collegamenti, i commenti (inclusi quelli immancabili sui look delle star), e alle 2 via alla premiazione, che durerà circa 3 ore.

Il premio più ambito, conferito come avviene dal 1927 dagli ottomila membri dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences (infatti ricordiamo che gli “Oscar”, si chiamano anche Academy Awards), è come sempre quello al Miglior Film: hanno possibilità di aggiudicarselo le pellicole “Roma” e “Green Book”, ma in lizza ci sono anche “La favorita” (10 nomination come “Roma”); “A Star is Born” con Bradley Cooper e Lady Gaga (apprezzatissima rivelazione come attrice) e “Vice” (8 nomination);“BlackPanther” (7); “BlacKkKlansman” (6) e naturalmente il film su Freddie Mercury e i Queen “Bohemian Rhapsody” (5 come “Green Book”). Ventiquattro saranno le categorie premiate (quasi tutte con cinque nomination a testa). Prima ancora, però, sono stati oltre tremila i premi cinematografici consegnati quest’anno, come i Golden Globes.

Per la prima volta la cerimonia della consegna degli Academy non avrà un conduttore, dopo lo scandalo del post omofobo twittato da Kevin Hart, comico di “Scuola serale” e “Jumanji”, il quale avrebbe dovuto presentare la kermesse. Qualcuno, però, pensa che potrebbe sostituirlo a tempo di record la mitica Whoopi Goldberg.

Il favorito sia per il premio come Miglior Regista che come direttore della fotografia e sceneggiatore, potrebbe essere Alfonso Cuarón per “Roma”. Se dovesse aggiudicarsi il riconoscimento come regista, sarebbe il quinto messicano a vincerlo in sei anni.

Non sorprende che il favorito come Miglior Attore sia il 37enne di origine egiziana e cristiano ortodosso Rami Malek, che ha impersonato magnificamente Freddie Mercury in “Bohemian Rhapsody”. Come Miglior Attrice, invece, il premio potrebbe andare a Glenn Close per “The Wife”, ma anche a Lady Gaga per “A Star is Born” o ad Olivia Colman, la Regina Anna d’Inghilterra ne “La favorita”.

Categoria Miglior Documentario a “Free Solo” (su un’impresa di arrampicata del giovane Alex Honnold) o a “RBG” (sulla vita della magistrata Ruth Bader Ginsburg, giudice della Corte Suprema Usa dai tempi della presidenza di Bill Clinton nel 1993).

La statuetta per il Miglior Film di Animazione potrebbe andare per una volta non ad una pellicola della Disney o della Pixar, ma a “Spider Man: un nuovo universo”, prodotto dalla Sony. Per finire, come Miglior Canzone, tutti o quasi sono pronti a scommettere sulla coinvolgente “Shallow”, cantata da Lady Gaga e Bradley Cooper in “A Star is Born”.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Altro

Vai a Inizio pagina