Papa Francesco, “La donna è colei che dà armonia al mondo, non è per lavare i piatti”

in Attualita'

Papa Francesco ha più volte parlato del ruolo della donna nella Chiesa e nella società ed è capitato anche di recente. Durante una Messa nella sua residenza di Santa Marta ha dichiarato senza mezzi termini: “Sfruttare le persone è un crimine di lesa umanità: è vero. Ma sfruttare una donna è di più: è distruggere l’armonia che Dio ha voluto dare al mondo. È distruggere”.

E ancora, ricordando la storia di una coppia innamorata dopo 60 anni, ha aggiunto: “La funzionalità non è lo scopo della donna. E’ vero che la donna deve fare cose, e fa – come tutti noi facciamo – cose. Lo scopo della donna è fare l’armonia, e senza la donna non c’è l’armonia nel mondo”. “Tante volte, quando noi parliamo delle donne, ne parliamo in modo funzionale: ma, la donna è per fare questo. Invece la donna porta una ricchezza che l’uomo non ha: la donna porta armonia al creato. Quando non c’è la donna, manca l’armonia”. E infine il Santo Padre ha detto chiaro e tondo che la donna “Non esiste per lavare i piatti”.

L’uomo e la donna, ha affermato, “Non sono uguali, non sono uno superiore all’altro: no. Soltanto che l’uomo non porta l’armonia: è lei. È lei che porta quella armonia che ci insegna ad accarezzare, ad amare con tenerezza e che fa del mondo una cosa bella”. Perciò Dio ha creato la donna: perché “non era bene che l’uomo” fosse solo. Prima, però, Dio l’ha sognata “Perché per capire una donna è necessario sognarla”.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Attualita'

Vai a Inizio pagina