“Affrontiamo la più grande crisi morale del nostro tempo” avverte Harrison Ford (anche) da Dubai

in Ambiente/Le Brevi

Ora, più che mai, il mondo ha bisogno di proteggere la natura mentre gli umani si trovano di fronte alla “più grande crisi morale del nostro tempo”, hanno avvertito l’attore e filantropo Harrison Ford martedì.

In un discorso commovente e appassionato, Ford ha avvertito una sala gremita durante il terzo giorno del vertice del governo mondiale a Dubai, secondo cui “tutti noi, ricchi o poveri, potenti o impotenti, subiremo gli effetti del cambiamento climatico e della distruzione dell’ecosistema come noi” di fronte alla più grande crisi morale del nostro tempo “.

“La terra e il mare sono l’eredità che lasceremo alle generazioni future … Dobbiamo intervenire e agire prima che sia troppo tardi”, ha detto, aggiungendo che “Abbiamo bisogno di proteggere la natura perché la natura non ha bisogno di persone, ma le persone hanno bisogno della natura “. In quello che è stato visto come un attacco al presidente degli Stati Uniti Donald Trump, Ford ha detto che il cambiamento climatico è reale e dovrebbe essere lasciato agli esperti.

L’attore 76enne, noto soprattutto per i suoi ruoli in “Star Wars” e “Indiana Jones”, ha sottolineato l’importanza di riconoscere gli effetti dei cambiamenti climatici sul mondo in un discorso della giornata di chiusura del Vertice del governo mondiale in Dubai.

Anche se non ha mai detto il nome di Trump, ha chiaramente preso di mira il presidente americano nei momenti iniziali delle sue osservazioni. “In tutto il mondo, elementi di leadership – anche nel mio paese – per preservare il loro stato e lo status quo, negare o denigrare la scienza”, ha detto Ford. “Sono dalla parte sbagliata della storia. Ford, noto per essere un forte sostenitore della lotta per il rispetto del clima e della protezione ambientale, ha tenuto numerosi discorsi in occasione di grandi conferenze sui pericoli della distruzione dell’ambiente, oltre a aver prodotto e presentato la serie documentaria sui cambiamenti climatici “Anni di vita pericolosamente”.

“Più di 3 miliardi di persone vivono di pesce e dipendono da loro come fonte di sostentamento e cibo, quindi dobbiamo proteggere la ricchezza dell’acqua”, ha detto nella stanza piena di capi di stato, leader di pensiero, giornalisti e altro da tutto il mondo seduto in silenzio, assorbendo gli avvertimenti.

“La temperatura terrestre è aumentata del 40 percento, quindi dovresti investire di più nella scienza e adottare comportamenti di protezione del nostro clima”, ha detto Ford, aggiungendo che “le prove strenue dovrebbero guidarci a sviluppare piani e sviluppare strategie pratiche per affrontare le sfide climatiche”.

Ford ha parlato non solo della necessità, ma anche della bellezza delle mangrovie, dei piccoli alberi che crescono sulle coste e stabilizzano le coste, proteggono le comunità dalle tempeste, forniscono habitat critici per molti animali e immagazzinano grandi quantità di carbonio. Ha elogiato gli Emirati Arabi Uniti per i suoi sforzi volti a preservare le mangrovie sulle sue coste.

“Il 75 percento delle più grandi città del mondo si trova vicino alla costa. Mentre i nostri oceani si sciolgono, metteranno in pericolo queste città e la sua popolazione “, ha detto, prima di guardare tutti nella sala, dicendo” Quando si tratta di oceani, a coprire il 71 percento del pianeta, i nostri sforzi sono stati inadeguati “. Parlando prima di Ford, il ministro per i cambiamenti climatici e l’ambiente degli Emirati Arabi Thani Al-Zeyoudi, ha affermato che “l’umanità ha raccolto innumerevoli benefici dagli oceani per migliaia di anni, ma non stiamo facendo abbastanza collettivamente per proteggere una delle nostre risorse più preziose”. “Se non vengono affrontati immediatamente, i cambiamenti climatici porteranno alla perdita di 250.000 vite entro il 2030”, ha avvertito Al-Zeyoudi.

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Ambiente

Vai a Inizio pagina