Coop non paga l’affitto per i migranti: loro vengono sfrattati Prima vengono tolti all'edificio energia elettrica e riscaldamento. Sembra che i dipendenti della coop non vengano pagati da ottobre.

in Cronaca

Una notizia che fa rimanere perplessi arriva da Medole, comune in provincia di Mantova, al confine con la provincia di Brescia. L’Agi riferisce che una cooperativa del posto, l’Olinda, centro di accoglienza che ospita (o meglio ospitava) 15 migranti, li avrebbe lasciati al freddo e senza energia elettrica, perché non avrebbe pagato diversi mesi d’affitto. Poi, per lo stesso motivo, i migranti sarebbero stati sfrattati.

Sono tre locali quelli rimasti inagibili e vi abitavano richiedenti asilo tra i 19 e i 23 anni. Provenivano da Gambia, Costa d’Avorio e Nigeria ed erano ricorrenti in Cassazione, definizione con la quale s’intende che fosse stato negato loro il diritto di asilo dalla commissione territoriale.

La ragione del mancato pagamento dell’affitto ai migranti, sarebbe che gli stessi dipendenti della coop non verrebbero pagati da ottobre e i migranti devono procurarsi il cibo da soli da settembre. A dirlo è sempre l’Agi.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it

Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Cronaca

Vai a Inizio pagina