Manuel Bortuzzo, i due sospetti si costituiscono e confessano: “Gli abbiamo sparato per sbaglio” I responsabili del ferimento di Manuel sono due giovani di qualche anno più grandi.

in Cronaca

Svolta nelle indagini sugli spari che hanno colpito il nuotatore trevigiano Manuel Bertuzzo, 20 anni, nella notte tra sabato 2 e domenica 3 febbraio a Roma. I due presunti responsabili si sarebbero recati in questura, in compagnia dei loro legali. Sono giovani di 24 e 25 anni, di nome Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, i quali hanno ammesso di aver sparato a Manuel per errore (come si era detto fin dal principio). Uno dei due era già stato riconosciuto grazie al suo taglio di capelli, che qualcuno dei testimoni presenti sulla scena ha descritto.

Il signor Franco Bertuzzo ha fatto sapere che suo figlio sa di dover rimanere paralizzato. Ha avuto la forza di consolare sua madre e le ha detto: “Ora per me comincia un altro allenamento”.

Paolo Barelli, presidente delle Federnuoto, ha detto che la promessa del nuoto è stata raggiunta “dalla solidarietà delle istituzioni e mondo sportivo, dall’affetto e dalla commozione dell’Italia intera. Ne ha sentito la forza e sa di poter contare sull’affetto di una famiglia premurosa, pronta a sostenerlo e ben più numerosa di quanto immaginasse. E’ diventato il figlio, un fratello, il nipote di tutti coloro che non accettano di vivere in un ambiente ostaggio della violenza”.

info@almaghrebiya.it

Ultime da Cronaca

Vai a Inizio pagina