Italia in recessione economica

in Economia/Le Brevi

Sconfortanti i dati Istat che indicano che l’economia italiana nel quarto trimestre del 2018 ha registrato una contrazione dello 0,2%. In base a dati provvisori, si tratta del secondo trimestre consecutivo di calo dopo il -0,1% del periodo luglio-settembre. I dati dell’ISTAT di oggi erano ampiamente attesi ed erano stati anticipati ieri dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il PIL dell’Italia cresceva ininterrottamente dal 2014, cioè da quattordici trimestri consecutivi. E proprio Conte ieri sera aveva già lanciato un messaggio ambiguo e, letto tra le righe, molto sconfortante e il soldoni dice che ci troviamo in un periodo scuro che ce ne sarà uno più oscuro e che dopo si vedrà la ripresa. E va bene che ci troviamo in recessione economica ma monetizzare anche sulle parole di chi con le parole guadagna il pana suona un poco come una presa in giro. Si dica tutta la verità. Un ‘netto peggioramento’ dell’industria e del settore agricolo, un ‘andamento stagnante’ del terziario: è la fotografia di un Paese che, dopo cinque anni, frena e finisce in recessione. L’ultimo trimestre vede una contrazione dell’economia dello 0,2%. Molti esperti aggiungono di tenere in considerazione anche che ci troviamo di fronte  una specificità italiana dovuta alle incertezze sul futuro economico del paese, in particolare a causa delle misure che il governo intende attuare e le conseguenze che potrebbero avere sui conti pubblici e sulla tenuta del sistema bancario.

C.P.

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Economia

Vai a Inizio pagina