Matera, carabinieri pagano il viaggio ad un immigrato che deve andare al funerale della madre La donna viveva a Napoli e le esequie si sono svolte lì.

in Le Brevi

Un giovane immigrato tunisino che risiede nel comune abruzzese di Bernalda, in provincia di Matera, dove lavorava come bracciante agricolo stagionale e ora disoccupato, ha saputo telefonicamente dalla sorella che la loro madre, la quale abitava a Napoli, era deceduta a causa di un infarto. Tuttavia il giovane non aveva i soldi per comprare il biglietto del pullman e del treno per andare al funerale, così, in lacrime, si rivolto ai Carabinieri locali, che gliel’hanno gentilmente pagato loro facendo una colletta, dopo aver verificato che il tunisino diceva la verità. L’episodio è avvenuto ieri pomeriggio, giovedì 24 gennaio. Il ragazzo è potuto partire stamane.

Aveva suonato al citofono alla Stazione di polizia, impegnata in quel momento in un controllo sul territorio. I militari dell’Arma sono stati avvertiti dalla centrale, sono tornati, e hanno aiutato il giovane in difficoltà. Poi l’hanno visto prendere il pullman alle 5.40 di oggi. Il tutto è stato confermato dal Comandante del Reparto Operativo Antonio Mancini.


La Basilicata non è nuova a gesti di solidarietà verso gli immigrati: mesi fa a Bella, in provincia di Potenza, la cittadinanza ha pagato i funerali di un giovane pakistano residente nel paese e morto sul lavoro.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Le Brevi

Vai a Inizio pagina