Miss Algeria 2019 bersagliata da insulti razzisti di troll

in Esteri/Le Brevi

Ha battuto altre 16 donne ed è stata incoronata Miss Algeria, ma la vittoria di Khadija Ben Hamou è stata soggetta a molti, troppi insulti razzisti. Khadija ha fatto la storia quando è diventata la prima donna di colore a prendere la corona al concorso annuale di bellezza di sabato (5 gennaio), ma la sua vittoria è stata contaminata da persone che si sono rivolte ai social media per contestare la scelta dei giudici, in gran parte fino a il colore della sua pelle.

I troll hanno inondato Facebook e Twitter per commentare il suo aspetto, compresi i suoi capelli, il suo peso e le sue caratteristiche. Quando altri utenti di social media hanno iniziato a denunciare le nefandezze che venivano scritte e tutte a sfondo razzista, alcuni utenti di Twitter hanno affermato di non avere nulla a che fare con la razza. “Non era così carina”, scrisse una persona.


Tuttavia, molti utenti hanno elogiato rapidamente la diversità della competizione di quest’anno e si sono schierati in sua difesa di Khadija, congratulandosi con lei. Scrivendo su Facebook, un utente ha detto: “Se ho capito bene, vuoi una Miss Algeria che assomigli ad uno svedese !? È uno dei punti di forza della nostra diversità, un fascino sahariano, sono felice di vedere finalmente una signorina proveniente dal sud dell’Algeria “. Un altro ha detto: “Non puoi prendere in giro il suo naso, i capelli e la carnagione della pelle e dire che non è razzista”. Khadija, che proviene dall’Adrar nel sud del paese, ha preso parte a 20 round della competizione prima di essere incoronata Miss Algeria 2019. Seguendo la sua vittoria, andrà a rappresentare il paese su scala globale a Miss Mondo, e prenderà parte a lavori di beneficenza a fianco dell’organizzazione.


Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina