Arabia Saudita integralista e Qatar moderato? Lo chiediamo a Souad Sbai

in Editoriale

di Souad Sbai

Il Governo italiano, anche attraverso il ministro Salvini, si è dichiarato amico del regime fondamentalista del Qatar. Ora invece tutti seguono a ruota Giorgia Meloni nell’attaccare l’Arabia Saudita per le limitazioni all’ingresso delle donne in occasione della Supercoppa italiana a Gedda. È una contraddizione?

 

On. Sbai, cosa ne pensa?

 

Penso che Salvini forse sia consigliato male, perchè il Qatar è un paese che – certificato dal mondo intero – finanzia indirettamente e non l’ISIS e il terrorismo islamico in genere, insieme alla “Grande Turchia”. La sottoscritta ha manifestato tante volte in passato contro l’Arabia Saudita, per i diritti umani e in particolare i diritti delle donne, però ultimamente ho visto l’inizio di un progresso civile, a partire dal fatto che ora le donne possono guidare e non necessitano più del tutor per la firma dei principali documenti negli uffici pubblici. Ora le donne saudite hanno anche altri obiettivi e spero che vengano presto raggiunti, ma in Salvini che attacca l’Arabia Saudita, mentre chiude tutti e due gli occhi con il Qatar non ci vedo una logica.

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE CLICCA QUI