Lega, il sondaggio: persi 8 punti al Nord. La base leghista: colpa del reddito di cittadinanza

in Politica

Mi creda, tanti partiti vorrebbero avere i problemi di consenso della Lega», cerca di smorzare un vecchio colonnello del Carroccio di quel Nordest che è terra padana per antonomasia e che qualche riflessione sull’abbraccio ai «meridionalisti» grillini l’ha fatto e continua a farlo.I dati di cui ha dato conto ieri il Corriere della Sera parlano chiaro. Pur in un contesto assolutamente positivo, in cui la Lega fa il pieno al centrosud, raddoppiando in Lazio e Toscana (dal 15,7% delle Politiche all’attuale 29%) e triplicando addirittura nel Mezzogiorno (dal 6,2% delle Politiche al 18% odierno), suona un campanello di allarme. Se infatti al Nordest le proiezioni indicano un 40,1%, tra il rilevamento di settembre e quello di dicembre il partito perde comunque qualcosa come l’8,5% dei consensi. E il dato, ovviamente, crea preoccupazione. Non tanto per il presente o per le prossime Europee, quanto in prospettiva perché ritenuto un «sentiment» figlio del malcontento delle categorie economiche per le risposte finora ritenute lacunose al territorio in materia di grandi opere e per quel decreto Dignità che a Nordest è visto come il fumo negli occhi.Il vicepremier Matteo Salvini ieri ha brindato con i suoi senatori rassicurandoli sul fatto che «non c’è alcun arretramento della Lega al Nord». Il suo guru mediatico, Luca Morisi, ha pubblicato via twitter un sondaggio Swg che al 17 dicembre dà la Lega in crescita dello 0,4% al Nord, commentando ironicamente «Eh, il rosicamento…». Ma il rosicamento di Confindustria e Confartigianato contro la manovra e il decreto Dignità è concreto. A tal punto che alcuni industriali, in un recente passato storicamente vicini al Carroccio, nei giorni scorsi hanno criticato l’operato del governo a trazione legastellata. Si pensi a Bepi Covre, padre nobile (ora dissidente) della Lega e prima di tutto imprenditore, che dice: «Ai parlamentari leghisti dico: voi venite da zone in cui il lavoro è religione, se ci mettete i bastoni tra le ruote siete dei disgraziati, intesi come coloro che portano disgrazie. Il decreto Dignità è una vera porcata».

 

E che dire, poi, di tutti i presidenti della Confindustria nordestina presenti a Torino per dire sì alla Tav? E degli artigiani in piazza contro le linee economiche del governo? «Inutile negarlo — dice il segretario veneto della Lega, Toni Da Re — dobbiamo dare queste risposte alla nostra gente. Che però fatica più a comprendere il reddito di cittadinanza che altro. Qui da noi lo Stato è visto come oppressore; al Sud è inteso come elargitore. E in Veneto si fatica a capire che uno che non lavora venga anche pagato». Il suo collega trentino, Mirko Bisesti, è invece tranchant: «Dalle nostre parti – dice – non c’è flessione. Anzi, basta guardare i dati dell’elezione del 21 ottobre scorso, quando il nostro candidato Massimo Fugatti è stato eletto presidente della Provincia, per capirlo. Qui un elettore su due è di centrodestra e la Lega è il primo partito». Stesso discorso per il Friuli Venezia Giulia, di cui si fa portavoce il sottosegretario all’Ambiente Vannia Gava. «Guardi — dice — io sono una donna leghista di governo ma soprattutto di territorio. E respiro solo fiducia nei nostri confronti perché la gente sa che siamo dalla sua parte. E non mi si venga a dire che noi della Lega non siamo per le grandi opere… sarebbe un’eresia». Vero, ma proprio per questo motivo un leghista «moderato» come Luca Zaia, governatore del Veneto, ha battuto forte i pugni per avere una data certa per l’Autonomia, ha detto di comprendere gli artigiani che scendono in piazza, ha polemizzato a distanza, proprio ieri, con il ministro Danilo Toninelli, perorando la causa della «regionalizzazione» delle autostrade quando invece il titolare delle Infrastrutture è a favore della «nazionalizzazione». Si chiamano fronti aperti.corriere. E sono molto territoriali. Da qui la preoccupazione per quel sondaggio.

Ultime da Politica

Vai a Inizio pagina