Egitto, scoperta tomba di oltre 4.400 anni perfettamente conservata Il ritrovamento è avvenuto nel celeberrimo sito archeologico di Saqqara.

in Cultura

L’Egitto è un’inesauribile fonte di scoperte dall’antichità. Gli archeologi egiziani, lavorando nella necropoli di Saqqara, non lontano da Il Cairo, hanno riportato alla luce una tomba di oltre 4.400 anni, con statue e colori in ottimo stato di conservazione. Il reperto risale al regno di Neferurkare Kakai, il terzo re della quinta dinastia dell’Antico Regno (2686 a.C. – 2134 a.C.). Il sepolcro è (molto probabilmente) quello di un importante sacerdote, Wahtye, vissuto tra il 2500 e il 2300 a.C. Lo ha annunciato il ministro del Supremo Consiglio delle Antichità, Khaled el-Enany. Nel novembre scorso, sempre a Saqqara, erano stati trovati otto preziosi sarcofagi con mummie all’interno, oltre ai sepolcri di gatti e scarabei (entrambi divinizzati nell’Antico Egitto), ed a sculture lignee raffiguranti diversi animali tra cui questi.

Un comunicato governativo egiziano ha spiegato che la tomba è “eccezionalmente ben conservata, colorata e con diverse sculture al suo interno”. Si ritiene che appartenesse ad un sacerdote, perché in una nicchia del sepolcro c’è una statua che ne rappresenta uno, più moglie e figli e parenti in altre nicchie.


Vi sono 18 statue più grandi e 24 di minori dimensioni. Le sculture sono 24, alcune delle quali di faraoni. Si trovano in corrispondenza delle pareti della stanza mortuaria lunga 10 metri, larga 3 e di circa 3 metri di altezza.

Alessandra Boga

info@almaghrebiya.it


Sono nata a Magenta (MI) il 26/08/1980 e vivo a Meda, in provincia di Monza e Brianza. Dopo la Maturità Classica, mi sono laureata in Scienze dell’Educazione (2004) con una tesi in Pedagogia Interculturale intitolata “Donna e Islam: la questione del velo”. Ho scritto due racconti sui diritti delle donne, uno sulle arabe e musulmane intitolato “Dopo la Notte” (Ed. Filo, 2009) e l’altro incentrato sulla figura di Olympe de Gouges, autrice della “Dichiarazione dei Diritti della Donna e della Cittadina” (1791, epoca della Rivoluzione Francese). Dopo la laurea ho scritto su molti giornali online ed alcuni cartacei.

Ultime da Cultura

Vai a Inizio pagina