Europa stia attenta: progetto dei Fratelli Musulmani con Qatar e Turchia per prendere il potere

in Editoriale

Europa stia attenta: progetto dei Fratelli Musulmani con Qatar e Turchia per prendere il potere

Europa stia attenta: progetto dei Fratelli Musulmani con Qatar e Turchia per prendere il potere

 

Si stanno infiltrando nella nostra società e nei sistemi politici occidentali, seguendo un preciso progetto in 25 punti, scritto negli anni 80 e divulgato dal giornalista franco-svizzero Sylvain Besson. Si tratta dei Fratelli Musulmani, organizzazione fondata in Egitto all’inizio del secolo scorso, che si pone come obiettivo la presa di potere attraverso una penetrazione politica dell’Islam, come già successo con le primavere arabe nel Maghreb, ora anche in Italia e in Europa.

 

Lo sostiene Souad Sbai, giornalista, scrittrice e portavoce del Movimento Anti – Qatar in Italia, in un’intervista a Il Sussidiario.

 

“La Fratellanza musulmana – dice – è la principale organizzazione transnazionale islamista, nella quale affondano le proprie radici ideologiche Al Qaeda, Isis e l’intera galassia dell’estremismo e del terrorismo contemporaneo di matrice jihadista. Le rivolte passate inopinatamente alla storia come “primavere arabe” sono state il frutto di un piano disegnato appositamente per portare gli “Ikhwan” al governo di Egitto, Tunisia, Libia e Siria, innescando un effetto domino che avrebbe dovuto travolgere l’intero Medio oriente”.

 

 

 

A fare da “supporto” alla Fratellanza Musulmana ci sarebbe una consolidata alleanza tra Qatar e Turchia che “hanno fornito la spinta finanziaria, la legittimazione politica e la copertura mediatica − basti pensare al ruolo svolto da Al Jazeera − indispensabili a far sì che dei rovesciamenti di regime venissero interpretati, soprattutto in Occidente, come rivoluzioni democratiche.  Il piano è fallito, ma le ambizioni dei Fratelli musulmani e dei Paesi che li sponsorizzano sono ancora vive, tanto in Medio oriente quanto in Occidente”.

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE CLICCA QUI 

 

Ultime da Editoriale

Vai a Inizio pagina