Rischio infarto altissimo alle 22:00 della vigilia di Natale

in Le Brevi/Salute

Sul British Medical Journal è stato pubblicato uno recente studio secondo il quale la vigilia di Natale è il momento più comune dell’anno per avere un infarto, infatti, secondo gli scienziati svedesi che hanno confrontato le date e i tempi di 280.000 attacchi cardiaci in 16 anni in Svezia e hanno scoperto che l’attacco cardiaco ha raggiunto il picco alle 22:00 del 24 dicembre. La causa dell’aumento del rischio infarto, secondo i ricercatori, è da imputarsi allo stress emotivo e l’ansia – specialmente tra gli over-75 o quelli che già soffrono di diabete o malattie cardiache.

I ricercatori, leggiamo dal sito web AffariItaliani, guidati da esperti dell’Istituto Karolinska di Stoccolma, hanno rilevato che il rischio di un attacco cardiaco aumenta del 37% alla vigilia di Natale. Il giorno di Natale è leggermente più sicuro, con un rischio aumentato del 29%, e il giorno di Santo Stefano il rischio è aumentato del 21%. L’ultimo dell’anno non è più pericoloso di qualsiasi altro giorno dell’anno, ma a Capodanno il rischio sale ancora del 20%. A Natale dunque cerchiamo tutti di essere più buoni, così da regalare serenità soprattutto per chi “un po'” di pace è la medicina migliore per continuare a vivere.

S.H.D. e C.P.

 

 

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Le Brevi

Vai a Inizio pagina