Tunisia: Fratelli Musulmani sempre più isolati. Temono lo scioglimento del partito Ennahda Il movimento è stato colpito da un procedimento penale per aver complottato l’assassinio di due oppositori politici nel 2013

in Esteri/Le Brevi

Hanno paura i vertici del movimento politico islamista Ennahda, legato mani e piedi alla pericolosa Fratellanza Musulmana e oltre a loro iniziano a sentire il tintinnio delle manette anche alti funzionari statali. Dal quotidiano on-line Jeune Afrique apprendiamo infatti che il movimento tunisino Ennahda è stato colpito da un procedimento penale per aver complottato l’assassinio di due oppositori politici nel 2013. Mohamed Brahmi e Chokri Belaid sono stati uccisi in attentati nel 2013 con la stessa pistola. Entrambi gli uomini si erano opposti al Movimento Ennahda, che allora era al potere grazie all’aiuto della Turchia, del Qatar, della Fratellanza Musulmana. Gli investigatori hanno accusato una cellula jihadista e identificato un contrabbandiere di armi, un francese di 30 anni, come uno degli assassini. Gli accusatori sostengono  sostiene che gli omicidi sono stati preparati dall’apparato segreto di sicurezza di Ennahda, che, secondo gli avvocati, è stato creato dalla Fratellanza Musulmana egiziana. I Fratelli Musulmani egiziani introdussero questo tipo di addestramento negli anni quaranta come parte del proprio “Apparato Segreto”, creato per eseguire operazioni militari e addestrare militarmente i cittadini egiziani a difendersi dalle invasioni straniere, ma con il tempo è trasformato in uno strumento politico di assassinii e terrorismo: le gambe con le quali la Fratellanza Musulmana avanza (quasi) indisturbata alla conquista del mondo. Intanto,  il presidente della Repubblica tunisina, Beji Caid Essebsi, ha deciso di prorogare di un mese, dal 7 dicembre al 5 gennaio 2019, lo stato d’emergenza nazionale.

S-H.D. e C.P.

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina