Siracusa, uomo uccise moglie incinta: condannato all’ergastolo La donna aspettava una bambina dal marito.

in Le Brevi

La Corte d’Assise di Siracusa, dopo 6 ore di Camera di Consiglio, ha condannato all’ergastolo e a tre mesi di isolamento diurno un uomo, Christian Leonardi, 43 anni, che ha ucciso la moglie, Eligia Ardita, 35, la quale era incinta della loro bambina, e ovviamente ha anche provocato la morte della piccola che la giovane portava in grembo. La donna era infermiera dell’Ospedale Umberto I del capoluogo siculo ed è stata uccisa nella casa di famiglia nella tarda serata del 19 gennaio del 2015. All’inizio era stato indagato il personale del 118 per negligenza nelle cure della giovane donna, poi il marito, che alla fine aveva confessato il 19 settembre successivo, per poi ritrattare dicendo di essere stato costretto dal fratello ad autoaccusarsi.

I due coniugi avevano avuto un violento litigio, durante il quale il marito ha tappato la bocca alla moglie soffocandola. Lui aveva cercato di difendersi, accusando i medici del 118 di non aver ben curato la donna che si era sentita male, ma le indagini hanno portato a risultati ben diversi.

Vai a Inizio pagina