Mondiali 2022: il Qatar usa un’ONG per spiare i rivali Football Leaks denuncia l’International Centre for Sport Security, organizzazione finanziata da Doha per ottenere i prossimi Mondiali di calcio attraverso corruzione, tangenti e spionaggio

in Esteri/Le Brevi
Qatar. il Mondiale dello sfruttamento

L’International Centre for Sport Security (Il Centro internazionale per la sicurezza dello sport) con sede a Doha si è fatto un nome nella lotta alla corruzione. Ma Football Leaks (famoso sito web per gli appassionati di intrighi calcistici, e non solo…)  ha svelato il volto nascosto di questa associazione finanziata dallo Stato del Qatar che collabora con l’ONU, il Consiglio d’Europa o la Sorbona. Nell’aprile 2015, la ONG ha organizzato lo spinning, a Losanna, del padrino dello sport mondiale: lo sceicco del Kuwait al-Sabah.

E intanto che il comitato organizzatore continua a stupire con strutture avveniristiche e di grande impatto, le organizzazioni umanitarie di tutto il pianeta continuano a denunciare le inumane condizioni di lavoro alle quali sono costretti gli operai, e non solo, nei vari cantieri. Si susseguono i rapporti di Amnesty International secondo i quali nulla è cambiato negli ultimi anni, con il Qatar che continua a sfruttare e a schiavizzare i lavoratori stranieri impegnati nella costruzione delle varie infrastrutture. Sono per lo più bengalesi, indiani e di altre nazionalità del Sud-Est asiatico, non hanno alcun diritto né la ben che minima possibilità di cambiare la loro condizione sociale.

Questo mondiale in Qatar non non s’ha da fare.

S.H.D. e C.P.

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina