Terrorismo, la Germania è zona franca per il riciclaggio di denaro di Hezbollah I proventi dal traffico di droga con il Sud America utlizzati per acquistare armamenti

in Esteri/Le Brevi
Hezbollah, la longa manu dell’Iran

Secondo notizie di stampa, Hezbollah ha trovato in Germania un “rifugio sicuro” per riciclare il denaro della droga, sfruttando le falle nelle leggi di finanziamento anti-terrorismo del paese.

Hezbollah, l’organizzazione terrorista libanese, ha ricevuto un enorme sostegno finanziario durante una massiccia operazione di riciclaggio di droga tra Europa e Sud America.


Hezbollah, con le sue milizie schierate in Iraq, Siria e Yemen, è il braccio armato iraniano del regime dei mullah per destabilizzare la regione. La scorsa settimana, i pubblici ministeri in Francia hanno iniziato il processo a 15 membri dell’organizzazione terroristica a Parigi, secondo i media tedeschi che due degli imputati vivevano nello stato tedesco del Reno e della Vestfalia.

Membri dell’organizzazione terroristica sono stati accusati di riciclaggio di fondi provenienti dalladroga colombiani in un’operazione complessa con l’aiuto di membri della comunità libanese in Germania.

Un membro del Parlamento Europeo del Partito dei Verdi tedesco, Sven Geugold, ha dichiarato a un giornale locale che la Germania è un paese ideale per coloro che vogliono riciclare denaro in modo organizzato.

Ha spiegato che la legge tedesca consente il pagamento in contanti al momento dell’acquisto di beni o altre cose di lusso, e ha aggiunto che le autorità non impongono un minimo impiego di denaro contante e questo rende il denaro “sporco” in grado di trovare un punto d’appoggio nel paese europeo.

La magistratura francese ha sospetti un commerciante di esportazioni noto come Ali. G, residente nella città tedesca di Munster, uno dei più importanti agenti di Hezbollah che ha supervisionato l’operazione di riciclaggio di denaro sporco.

processo di lavaggio e sono stati sulla base dei proventi di contrabbando di cocaina dalla Colombia, è stato lo sfruttamento dei profitti di questa attività è vietata per comprare armi a Hezbollah e rafforzare la propria posizione in Siria.

I media tedeschi hanno riferito che la rete libanese ha acquistato gioielli e orologi del valore di 10 milioni di euro,  pagati in contanti nei negozi tedeschi.

S.H.D.e C.P.

 


Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina