Terrorismo: arrestati affiliati di Hezbollah a Buenos Aires Un procedimento avviato dopo una denuncia della Delegazione di associazioni israelite in Argentina

in Esteri/Le Brevi

Pochi giorni fa è iniziato a Parigi il processo contro alcuni esponenti di Hezbollah accusati di traffico di droga per acquistare armi, la droga arrivava dall’America Latina. La scorsa settimana c’è stato il più grande sequestro di eroina degli ultimi anni e la droga, trovata in Italia, arrivava direttamente dalla Colombia, grazie a un traffico creato dall’Iran attraverso la costola libanese Hezbollah che in America Latina ha creato un hub sicuro dove fare affari con i cartelli della droga. Ieri, invece, la Polizia federale argentina ha arrestato,due fratelli presunti affiliati all’organizzazione libanese di Hezbollah e durante la perquisizione, a Buenos Aires, sono state sequestrate una dozzina di armi di vario tipo. Secondo fonti giudiziarie, così come informa l’agenzia argentina Telam, perquisizione e arresti sono stati disposti dal giudice federale nel contesto di un procedimento avviato dopo una denuncia della Daia, la Delegazione di associazioni israelite in Argentina che a sua volta aveva ricevuto lo scorso gennaio una segnalazione anonima via posta elettronica circa due soggetti che avrebbero ricevuto addestramento militare all’estero ed erano in possesso di armi da guerra. “A gennaio abbiamo ricevuto una denuncia anonima, abbiamo esaminato l’informazione attraverso un protocollo che utilizziamo per determinare il grado di sensibilità dell’informazione e a partire da lì abbiamo effettuato la denuncia”, ha spiegato a “Infobae” l’avvocato Alejandro Broitman della segreteria giuridica della Daia.

S.H.D e C.P.

Vai a Inizio pagina