Provenzano: non bastava essere condannati a vivere nella mafia, l’Italia è condannata anche da Strasburgo La Corte europea dei Diritti umani di Strasburgo ha condannato l'Italia per avere rinnovato il regime carcerario del 41 bis al boss Bernardo Provenzano

in Italia/Le Brevi
I giudici Falcone e Borsellino, vittime di mafia, di Provenzano e ad oggi di Strasburgo

Siamo ormai –quasi- abituati a sentire ed eseguire diktat dall’Europa.Praticamente su tutto: cibo, economia, immigrazione e quindi società, lavoro, ora legale, ambiente, salute eccetera eccetera eccetera… Ma sentire anche che la UE ci venga a dire come trattare quel pluriomicida e mafioso di Provenzano, no. La Corte europea dei Diritti umani di Strasburgo ha infatti condannato l’Italia per avere rinnovato il regime carcerario del 41 bis a Bernardo Provenzano, dal 23 marzo del 2016 fino alla morte del boss mafioso. Secondo la Corte, il ministero della Giustizia ha violato l’articolo 3 della Convenzione, riguardante la proibizione di trattamenti inumani o degradanti. Allo stesso tempo, la Corte ha stabilito che non c’è stata violazione del medesimo articolo 3 in merito alle condizioni della detenzione. Questo è troppo. Il Boss dei boss, ù tratturi, uno dei mandanti degli omicidi di Falcone e Borsellino, uno dei mandanti degli attentati dinamitardi contro lo Stato, uno degli assassini di poliziotti, carabinieri, giornalisti, e di altri magistrati, uno dei uno di quelli che scioglieva i bambini nell’acido, una persona (?) che ha usato la propria libertà per schiavizzare, minacciare, torturare e uccidere il nostro Stato, dove non bastava la condanna perenne della Mafia che da anni subiamo e per la quale moriamo, ora anche l’ucronica condanna di Strasburgo. La mafia non merita pietà: questa l’unica sentenza alla quale non ci abitueremo mai.

S.H.D. e C.P.

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Italia

Vai a Inizio pagina