EAU e Arabia Saudita, forniranno 70 milioni di dollari per sostenere gli insegnanti nello Yemen

in Esteri/Le Brevi
Abdullah bin Abdulaziz Al Rabeeah

Il dott. Abdullah bin Abdulaziz Al-Rabiah, consigliere della Corte reale saudita e supervisore generale del Centro di aiuto umanitario e soccorso King Salman, ha annunciato che l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti forniranno 70 milioni di dollari USA per gli stipendi degli insegnanti nello Yemen, in cooperazione con le Nazioni Unite e l’UNICEF.

L’agenzia stampa saudita ha citato Al-Rabiah che, in una dichiarazione alla stampa, ha sostenuto che la somma donata aumenterà i salari di 135.000 insegnanti.

Al-Rabiah ha aggiunto che la coalizione araba guidata dai sauditi sta seguendo da vicino le sofferenze del popolo yemenita come risultato del deterioramento delle condizioni economiche, poiché gli stipendi mensili non sono stati pagati a molti lavoratori, in particolare quelli del settore dell’istruzione.

La donazione arriva come parte del continuo sostegno intrapreso dai paesi della coalizione per alleviare la crisi umanitaria ed economica del popolo yemenita, con oltre 17 miliardi di dollari donati dal 2015 ad oggi.

La coalizione ha sottolineato l’importanza degli sforzi internazionali unificati a sostegno delle iniziative umanitarie ed economiche nello Yemen per evitare il peggioramento della situazione, ha detto Al-Rabiah.

Gli Stati della coalizione sono direttamente coinvolti con il nuovo governo yemenita per mettere il fascicolo economico e umanitario al vertice delle loro priorità e attivare i meccanismi di lavoro e facilitare il miglioramento delle prestazioni del governo come parte degli sforzi internazionali per affrontare la crisi umanitaria e vivente .

La coalizione ha attribuito la responsabilità del deterioramento delle condizioni umanitarie ed economiche nello Yemen alle milizie Houthi, che si rifiutano di risolvere il conflitto politicamente e si impegnano a risoluzioni internazionali relative a questo conflitto.

C.P.

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina