Arabia saudita e Barhein inseriscono le Forze armate rivoluzionarie iraniane nella terror list

in Esteri/Le Brevi
Qassem Soleimani

L’Arabia Saudita e  il Bahrain hanno aggiunto il Corpo delle guardie rivoluzionarie iraniane e gli alti ufficiali della sua forza militare Quds, un’unità speciale delle Forze armate rivoluzionarie (IRGC), ai loro elenchi di persone e organizzazioni sospettate di coinvolgimento con il terrorismo. La designazione comporta il congelamento di tutti i beni e le proprietà di IRGC e il divieto di qualsiasi transazione con l’organizzazione e i suoi rappresentanti, l’uscita mediatica chiarita.

Teheran ha rapidamente risposto che la mossa era destinata a “distrarre il mondo e la regione dall’uccisione di Jamal Khashoggi”, il giornalista la cui scomparsa dopo l’ingresso nel consolato saudita a Istanbul ha provocato indignazione internazionale.

L’agenzia di stampa dello stato saudita SPA ha citato una dichiarazione dei servizi di sicurezza che dice che Qassem Soleimani, comandante della Forza Quds, e Hamed Abdollahi della forza e Abdul Reza Shahlai erano stati inclusi nella lista dei terroristi.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha affermato nel 2011 che Soleimani, Abdollahi e Shahlai erano legati a un complotto per assassinare l’ex ambasciatore dell’Arabia Saudita negli Stati Uniti, Adel Al-Jubeir, e imposto sanzioni a loro. All’epoca l’Iran respingeva le accuse come false e chiedeva scuse da Washington. A luglio, Qassem Soleimani ha risposto alle minacce di nuove sanzione che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva puntato contro il leader iraniano Hassan Rouhani, avvertendo che se gli Stati Uniti dovessero iniziare una guerra contro l’Iran, quest’ultimo sarebbe il primo a porvi fine.

S.H.D e C.P.

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina