Trenta: “Ridurremo contingente Afghanistan e Iraq”

in Italia/Le Brevi
Difesa, ministro Trenta

Nonostante la minaccia terrorista sia ancora a livelli molto alti, lo dimostrano le cronache quotidiane, e i conflitti in Iraq e Afghanistan non siano terminati, il Ministro Trenta ha deciso di tagliare il personale delle missioni in Afghanistan e a Mosul, in Iraq. “Abbiamo detto che avremmo ridotto il personale e lo stiamo cominciando a fare in Afghanistan, dove da subito lo ridurremo di 100 uomini e subito dopo di altri 100. Altri 50 rientreranno dall’Iraq e nei primi mesi del 2019 chiuderemo del tutto la missione presso la diga di Mosul, perché in questo momento non c’è bisogno che l’Italia investa in quella parte di paese”, ha detto la Trenta, intervenendo alla manifestazione del Movimento 5 Stelle, in corso al Circo Massimo di Roma. “È interesse nazionale dell’Italia guidare la scelta del numero dei militari da impiegare nelle missioni all’estero e un nostro successo è stato quello di portare la Nato a decidere di pianificare per il sud, poiché il pericolo per l’Italia può venire dai confini sud e del sud dobbiamo occuparci di più”, ha proseguito il ministro. “Qualsiasi cosa noi decidiamo va infatti analizzato secondo i nostri interessi strategici. Tra le missioni che abbiamo confermato c’è quella in Niger, molto importante perché ci aiuterà nel controllo dell’immigrazione”, questo quanto dichiarato oggi dalla Trenta. Già domani scongiuriamo di pentircene di tale scelta.

C.P.

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Italia

Vai a Inizio pagina