USA: scarcerato importante affiliato ad Al Qaeda perché parente del Procurato Generale del Qatar Sul Washington Post un documento rivela i legami tra il Procuratore Generale con il suo parente, Ali Saleh Kahla al-Marri, arrestato negli Stati Uniti dopo l'11 settembre

in Esteri/Le Brevi
Il procuratore generale del Qatar Ali bin Mohsen bin Fetais al-Marri

Il procuratore generale del Qatar Ali bin Mohsen bin Fetais al-Marri continua a fare notizia. Dopo che si è appreso della sua corruzione finanziaria e dei conti che aveva nella Banca nazionale del Kuwait, la sua stretta relazione con due leader di al-Qaeda è tornata a perseguitarlo. Al-Marri è riuscito a farli rilasciare dalle prigioni degli Stati Uniti e ha assicurato la libertà di movimento per loro andando contro ciò che era raccomandato nei trattati.

La recente attenzione suscitata dai suoi scandali finanziari ha portato i media ad indagare un po’ più a fondo sul suo conto – e i suoi conti-, e si è così saputo di molte storie trascurate come quella riportata dal Washington Post dove si legge di un documento, pubblicato nel 2007, che rivela i legami tra il Procuratore Generale con il suo parente, Ali Saleh Kahla al-Marri, noto anche come Abdul Rahman al-Qatari arrestato nel dicembre 2001 negli Stati Uniti dopo l’11 settembre. Lui stesso ammise di essere un membro molto importante di al-Qaeda e di aver pianificato nuovi attacchi, anche con l’uso di armi chimiche. Nel suo personal computer, gli agenti federali hanno trovato documenti chiamati “Jihad Arena o Jihad Stadium” contenenti informazioni sull’idrogeno cianuro. Durante il suo arresto sono stati sequestrati oltre 1.000 numeri di carte di credito fasulle e documenti di identità falsi.
Prima di arrivare negli Stati Uniti, Saleh al-Marri ha lavorato per più di 10 anni come alto ufficiale presso la Qatar Islamic Bank e come contabile senior per il governo del Qatar.
Inoltre, un’indagine delle autorità statunitensi ha dimostrato che Saleh era in contatto con Khalid Sheikh Mohammed , la mente degli attacchi dell’11 settembre.
Arriva il ruolo del Procuratore generale del Qatar Ali bin Mohsen bin Fetais al-Marri. In realtà, la decisione di rilasciare un parente non era una decisione americana, ma avveniva dopo un’azione diplomatica dietro le quinte e dopo lunghe trattative condotte da un “amico intimo” del Procuratore generale.
Secondo quanto riportato dai media americani , Bin Fetais usava tutti i suoi contatti in modo tale che il suo parente potesse essere rilasciato. Come ultima risorsa, grazie a questo aiuto, un importante membro di al-Qaeda è stato scambiato in cambio di cittadini statunitensi (una coppia) che sono stati arbitrariamente detenuti a Doha. Altrettanto sorprendente è il fatto che quando è arrivato a Doha, nel gennaio 2015, Saleh al-Marri ha ricevuto un ” benvenuto da eroe ” dalle autorità del Qatar.

C.P.

Sono nato nel 1980, ho scritto per L'Occidentale, L'Opinione, altre testate e ho lavorato per la Commissione Affari esteri del nostro Parlamento. Collaboro con Almaghrebiya da un po' di tempo occupandomi principalmente di argomenti afferenti la politica estera, soprattutto mediorientale.

Ultime da Esteri

Vai a Inizio pagina